Dahlquist DQ10…i perchè di un suono

Chi conosce questo progetto sa bene quanti appassionati abbia fatto innamorare, molti dei quali sono ancora oggi trincerati dietro al “guai a chi mi tocca le Dahquist” che rende bene l’idea di quanto siano per loro insostituibili questi storici diffusori americani. In effetti il diffusore presenta qualcosa di unico, di diverso da tutti gli altri.
Continue reading “Dahlquist DQ10…i perchè di un suono”

Retroazione negativa: pro e contro

Mi è sorta la voglia di scrivere questo articolo dopo aver letto alcune considerazioni fatte dal più popolare progettista di amplificazioni italiano (famoso in quanto anche popolare articolista su riviste audio) sulla necessità di avere un’amplificazione che distorca proporzionalmente con la potenza erogata perchè questo, a suo avviso, significa “amplificare in modo naturale” pur se tale Continue reading “Retroazione negativa: pro e contro”

Amplificazioni retroazionate: criteri di progetto (3a parte)

Le Alimentazioni

Ovvero dove nasce il problema che incide pesantemente sulla sonorità degli apparecchi….
Ironia della sorte il sovradimensionamento delle alimentazioni è uno degli aspetti più sopravvalutati (da almeno trent’anni) e questo non ha NULLA a che fare con il problema di cui sopra.
Continue reading “Amplificazioni retroazionate: criteri di progetto (3a parte)”

Alta Fedeltà: errori comuni

Quando parliamo di “alta fedeltà” o utilizziamo l’acronimo “hifi”, a cosa ci riferiamo? Siamo certi di conoscerne il significato?
Molte persone ancora oggi pensano che questo significhi “fedeltà” rispetto al suono dal vivo (ovviamente non amplificato), ma questo, anche se indubbiamente rispecchia il desiderio di tutti noi, non ha correlazione con Continue reading “Alta Fedeltà: errori comuni”

Le dieci regole d’oro dell’appassionato saggio

  • Credere alle proprie orecchie
  • Credere alle proprie orecchie anche se i propri convincimenti dicono il contrario
  • Ricordarsi di applicare sempre le regole 1 & 2
  • Ascoltare senza pensare al costo di un oggetto
  • Ascoltare senza pensare al peso e alla mole di un oggetto e/o a chi lo ha progettato
  • Ascoltare senza pensare alla positiva recensione da poco letta o al parere dell’amico esperto
  • Ricordarsi che ogni snobismo si paga sempre di tasca propria…e profumatamente
  • Chi non è capace di criticare il proprio impianto, non sarà mai in grado di migliorarlo.
  • Se un sistema audio non convince non è sempre colpa del disco o della stanza…questa è solo la scusante più frequente
  • Ricordarsi che a chiacchiere sono tutti maestri, poi i fatti dicono spesso altro…ma solo a chi ha orecchio per intendere.

Ascolti a distanza in epoca covid-19

Ovvero: è possibile valutare un sistema audio a distanza tramite una registrazione fatta con un telefonino?
Qualcuno potrà pensare: alè…Ambrosini è impazzito!  😀
In un periodo come questo in cui ancora risulta difficile la vita sociale (all’aperto si può mantenere la distanza di sicurezza ma al chiuso purtroppo siamo ancora costretti ad attrezzarci di Continue reading “Ascolti a distanza in epoca covid-19”

Circuit Chassis Interface FAQ

D: Che cosa è il CCI?
R: Per circa 20 anni non mi sono minimamente preoccupato di etichettare con una sigla il lavoro da me (e prima di me dai progettisti Grundig…) svolto. Solo nel 2004 è nato a tal fine l’acronimo “Circuit Chassis Interface” che sottolinea l’importanza di una opportuna e sistematica implementazione telaistica/circuitale in funzione dei disturbi RF e dei problemi correlati di natura vibrazionale che intermodulano col segnale in transito. Continue reading “Circuit Chassis Interface FAQ”

Amplificazioni retroazionate: criteri di progetto (2a parte)

Premessa:  a scanso di equivoci questo non vuole essere un articolo didattico (si trovano svariati articoli tecnici di buona qualità in rete su questi argomenti) ma solo una “panoramica” indirizzata a tutti, al fine di comprendere/evidenziare alcuni aspetti importanti nella progettazione classica di una amplificazione. Continue reading “Amplificazioni retroazionate: criteri di progetto (2a parte)”

Le leggi dell’altoparlante ideale

“Come convincere l’audiofilo medio, sfinito e confuso da diatribe interminabili, che un altoparlante non è fatto per essere usato come oggetto di elucubrazioni tecniche, bensì per essere ascoltato? Che il giudice naturale di un altoparlante non è l’intelletto, ma l’orecchio? Che l’orecchio umano, insieme all’apparato sensoriale ed elaborativo, risponde alla natura e non alla logica deduttiva?

Continue reading “Le leggi dell’altoparlante ideale”

Amplificazioni retroazionate: criteri di progetto (1a parte)

Viviamo in un periodo storico in cui molti vedono la retroazione come il capro espiatorio perfetto, trovando in tal modo lo sbocco commerciale per proporre amplificatori zero feedback che appartengono (chi più chi meno) alla fabbrica “dei colori” (ovvero delle colorazioni) riuscendo a convincere l’appassionato medio che, Continue reading “Amplificazioni retroazionate: criteri di progetto (1a parte)”

Loudness

Qualche nozione al fine di fare chiarezza su un argomento, talvolta inutilmente, dibattuto.
Il circuito “loudness” è un’equalizzazione che nasce dalla volontà di ottenere un suono maggiormente dettagliato e completo ai bassi volumi di ascolto. L’orecchio umano ha infatti una percezione agli estremi che diminuisce in modo sensibile al diminuire del livello di ascolto rispetto al centro banda come definito dalle curve isofoniche qui riportate:

Continue reading “Loudness”